Momenti di Preghiera


 
IERI, OGGI E DOMANI
 
 
In ogni settimana ci sono due giorni
nei quali non dovremmo vivere con delle preoccupazioni,
due giorni nei quali non conoscere timore o apprensione.
Il primo giorno è « ieri » carico del fardello degli errori,
dei fallimenti, delle sofferenze e delle paure.
Ieri, che è inesorabilmente fuggito via
con i nostri atti, con le parole dette,
e che nulla potrà mai riportarci.
 
L’altro giorno, che conviene mettere
al riparo di ogni ansia è « domani ».
E’ un giorno pieno di promesse,
di risultati soddisfacenti come di possibili altri fardelli.
Il domani sfugge al nostro controllo;
è un giorno che si aprirà nello splendore del sole
oppure coperto da nuvole,
ma sul quale, fin dal suo sorgere,
non avremo alcun potere.
 
Non ci resta che l’oggi.
Tutti possiamo combattere la nostra buona battaglia
in questa piccola giornata.
Realizziamo cose belle o meno,
solo per lo spazio di un giorno,
e ci abbattiamo o ritroviamo coraggio
solo se il peso di ieri e di domani
non si aggiunge a quello di oggi.
Perché non sono le esperienze di oggi ad abbatterci,
ma l’amarezza dei rimorsi e l’inquietudine del domani.
Ad ogni giorno, “basta la sua pena”.