Dentro la notizia...


 
TESTIMONI FELICI DI DIO
 
 
 
 
 
 
Che meraviglia se i cristiani fossero ogni giorno testimoni testardi e servitori felici dell’amore! Di quell’amore che è scritto in ogni fibra della vita e della morte del nostro Signore e Maestro, Gesù di Nazareth.
Forse per poter essere così, per poter vivere così, bisogna essere stati "sedotti":
La vita non avanza per ingiunzioni ma per seduzioni. E la passione, l’attrazione, la seduzione nascono dalla bellezza. La passione per Dio nasce dall’aver scoperto la bellezza di Cristo. Dio non ci attira perché onnipotente, non ci seduce perché onnisciente: per queste cose lo si può anche ammirare, perfino obbedire, ma non amare. Dio ci seduce con la vita bella di Cristo. Perché preferisce essere amato che obbedito. (Ermes Ronchi, Tu sei bellezza)
Sedotti dalla vita bella di Cristo, questo vuol dire essere cristiani !
Auguriamoci  tutti che chi ci incontrerà possa trovare in noi questa bellezza.
Auguriamoci tutti che chi ci incontrerà possa trovare in noi tanta speranza.
Quella speranza che ci consegna la forza di tenere alta la testa quando sembra che tutto fallisce, quando tanti si rassegnano.
Quella speranza che ci moltiplica la fantasia e la creatività.
Quella speranza che si ciba anche di piccoli gesti che lasciano un segno.
 
"Dimmi un po’: quanto pesa un fiocco di neve?" domandò la cinciallegra alla colomba. "Niente di niente!" fu la risposta. Allora la cinciallegra le raccontò una storia. "Mi trovavo sul ramo di un pino, quando cominciò a nevicare. Non proprio una tempesta, ma dolcemente, senza violenza. Come un sogno. Dato che non avevo niente di meglio da fare, cominciai a contare i fiocchi di neve che cadevano sul ramo in cui mi trovavo. Ne caddero 3.751.952. Quando il 3.751.953esimo cadde sul ramo, un niente di niente – come hai detto tu – il ramo si spezzò". A questo punto la cinciallegra se ne andò. La colomba, un’autorità in materia di pace fin dal tempo di un certo Noè, pensò un momento e concluse fra sé: "Ecco, forse non manca più che una sola persona, perché tutto si capovolga e il mondo viva in pace".
 
Il nuovo anno apostolico entra ormai nel vivo e  attende noi e il nostro "fiocco di neve" perché sia più bello per tutti. Nel cammino non saremo soli. Qualcuno camminerà, correrà con noi come l’angelo in bicicletta che ci sorride in copertina, infiammato e sospinto dallo Spirito Santo, mentre pedala allegramente con le sue ali nel vento. È un’opera originale del pittore contemporaneo francese Arcabas dal titolo: "Ange espiègle", l’angelo birichino…